Il primo progetto, dal titolo "Osservatorio buone pratiche per la sicurezza dei pazienti", si è occupato di valutare, tra le pratiche cliniche e organizzative presenti nell'Osservatorio, quelle sostenute da prove di efficacia di buona qualità e di promuovere una revisione della letteratura sull'efficacia dei metodi e degli strumenti di implementazione di queste pratiche.

Il progetto si articola in tre fasi: selezione delle pratiche, revisione della letteratura e diffusione dei risultati. Le pratiche sono state selezionate a partire da un elenco indicato da Age.Na.S (10 pratiche organizzative, 10 cliniche), tra cui sono state selezionate due pratiche cliniche e due organizzative giudicate più rilevanti. Le pratiche selezionate sono: “la gestione della terapia anticoagulante-antiaggregante-trombolitica nelle sindromi coronariche acute”, “l’efficacia dell’applicazione di percorsi diagnostici terapeutici assistenziali basati sull’evidenza nell’ictus cerebrale”, “le pillole di buona pratica clinica”, “identificazione corretta del paziente ricoverato”.

Il gruppo di lavoro era composto da Paola Mosconi, Cinzia Colombo, Anna Roberto del Laboratorio per il Coinvolgimento dei Cittadini in Sanità dell'Istituto Mario Negri di Milano e da Vanna Pistotti, Silvia Minozzi, Silvana Simi del Network Italiano Cochrane.