Sempre meno risorse disponibili. Crescente offerta di tecnologie e di prestazioni. Grande incertezza su ciò che davvero serve alla salute delle persone. Medici, farmacisti, infermieri, riabilitatori: tutti convinti della necessità di offrire le migliori cure possibili sulla base delle più affidabili e aggiornate conoscenze scientifiche.

Allo stesso tempo, chi finanzia il servizio sanitario chiede garanzie sul rapporto value for money rispetto all’investimento finanziario fatto. In questo scenario, mancano – o trovano difficoltà ad affermarsi – processi o strumenti espliciti che possano supportare le decisioni cliniche: il confronto è aperto sia su opportunità e limiti di linee-guida, raccomandazioni o documenti di consenso, sia sull’affidabilità e la fruibilità degli strumenti che permettono la consultazione bibliografica «al letto del paziente». A livello di decisioni politiche, sono oggetto di dibattito valutazioni su finanziamento di farmaci e tecnologie spesso molto costose, o su quali organismi tecnici debbano definire l’appropriatezza degli interventi nelle varie situazioni cliniche.

Sebbene le evidenze scientifiche debbano costituire la base della decisione, l’esperienza dimostra che troppo spesso queste non vengono prese in considerazione. Le ragioni sono diverse: tra le altre, la disomogeneità e l’inconsistenza dei risultati di molta ricerca clinica; la difficoltà di accesso alla letteratura scientifica; la non scontata capacità di comprensione da parte del personale sanitario e la difficoltà di trasferire le prove alla pratica clinica. Infine, la mancanza di studi che rispondano a domande rilevanti per i decisori.

In aggiunta a tutto ciò bisogna considerare anche altre dimensioni che sono importanti quando si prendono delle decisioni, tra queste in primo luogo la necessità di rispettare le preferenze e le aspettative della persona malata, adeguatamente consapevole di rischi e opportunità delle cure perché adeguatamente e correttamente informata.

Anche le recenti normative riguardanti il tema dell'appropriatezza pongono sfide importanti difficili, rimettendo al centro dell'attenzione le linee guida ed il loro ruolo di guida nel governo dell'innovazione. Per questo abbiamo voluto dedicare a questi argomenti la Riunione di quest’anno, convinti che come nelle tradizioni dell’Associazione si tratterà di un’utile occasione di confronto e di dialogo.

 

Link utili

Informazioni pratiche

Sede del convegno
Palazzo della Regione Lazio, Sala Tirreno
Via Rosa Raimondi Garibaldi 7, 00145 Roma