Nonostante gli indici di borsa e lo spread suggeriscano che il Paese "è alla frutta" abbiamo trovato degli amici non del tutto sicuri che sia proprio così: Alessandro Liberati considera la crisi un possibile punto di partenza per andare verso nuovi modelli socio-sanitari che ci permetteranno di rendere sostenibile la società.